Arte e avventura con gli occhi di un'artista

Vedere i soffioni boraciferi in Toscana

15 settembre 2015.theart49.0 Likes.1 Comment
Home/Blog/Avventura/Vedere i soffioni boraciferi in Toscana

Larderello e Sasso Pisano, vapore dalla terra nella Valle del Diavolo

 

A febbraio del 2015 abbiamo avuto un’esperienza davvero interessante in quella che viene chiamata la “Valle del Diavolo” che comprende alcuni paesi tra cui Montecerboli, Larderello, Sasso Pisano e Pomarance in provincia di Pisa, in Toscana.

Tutta questa zona riesce a sfruttare l’energia geotermica per produrre elettricitá da fonte rinnovabile, stupiscono gli impianti e le tubazioni di grandi dimensioni che attraversano il paesaggio, soprattutto verso Larderello, addirittura anche sopra la strada. In gran parte dell’area infatti l’intervento umano é stato intenso per riuscire ad utilizzare questa risorsa.

Per vedere il fenomeno dei soffioni boraciferi consiglio di arrivare a Sasso Pisano perchè appena usciti dal paese parte un sentiero ad anello da cui è possibile fare un tratto, non molto lungo, immersi in queste nuvole di vapori bianchi e caldi, circondati da colori che a volte sembrano dipinti per la loro intensitá e i contrasti che si creano con quella che sembra quasi diventare una nebbia fittissima. E’ molto bello vedere queste piccole e grandi spaccature nel terreno da cui escono i fumi continuamente, ma anche trovare vere e proprie pozze di acqua in ebollizione lungo tutto il percorso che è ben segnalato (infatti non abbiamo avuto bisogno di nessuna mappa e i cartelli descrittivi per maggiori informazioni non mancavano).

I sassi e le rocce sono di infinite sfumature: giallo, rosso, verde acido, bianco e riescono a creare giochi di colori con la vegetazione e con la terra stessa. Lungo il sentiero l’atmosfera cambia più volte, ma riesce sempre a meravigliare, anche solo per la grande quantità di soffioni che ci sono!

Il paesaggio é così suggestivo, quasi surreale da sembrare un’altro mondo o uscito fuori direttamente dagli inferi, che é facilmente intuibile il perché Dante Alighieri lo abbia utilizzato come musa ispiratrice per descrivere l’inferno nella Divina Commedia!

Data la mia esperienza, che mi ha regalato un bellissimo ricordo di questo trekking, consiglio di visitare la zona per la sua particolarità, non vi deluderà!

+-chiara

Dimmi cosa ne pensi!

Kopy Theme . Proudly powered by WordPress . Created by IshYoBoy.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: